Perché si fuma e come smettere

Per uno status, per far parte di un gruppo, per stress e ahimè per abitudine. Queste le principali motivazioni che si nascondono dietro al fastidioso vizio del fumo.

Si comincia sin da adolescenti, durante i primi momenti di socializzazione, a scuola, ad una festa e il motivo è in genere la voglia di essere accettati, ostentando sicurezza e maturità.

Gli psicologi, sostengono che il desiderio di fumare sia riconducibile a quello primordiale di suzione, vale a dire lo stadio di vita in cui il bambino trova piacere dal contatto con il seno materno.

Chi fuma ricerca coccole e attenzione, così, anche in età adulta, molti sopperiscono a questo bisogno mangiando le unghie, altri mangiando molto, altri ancora fumando.

Gli uomini sono più fumatori delle donne, anche se tra queste ultime la percentuale di fumatrici aumenta soprattutto intorno ai 30 anni. La maggior parte delle donne che fuma, svolge lavori di responsabilità, e dichiara di fumare per scongiurare lo stress.

Esistono diverse tipologie di fumatori:

  • Quelli incalliti che fumano più di 40 sigarette al giorno
  • Quelli abituali che fumano fino a 20 sigarette al giorno
  • Quelli moderati che invece si fermano a 10 sigarette
  • Quelli saltuari, che fumano ogni tanto e soprattutto nei momenti conviviali o nei momenti di maggiore stress.

Ma si può smettere di fumare? E quali sono i benefici?

Il fumo nuoce gravemente alla salute, è scritto su tutti i pacchetti di sigarette venduti nel mondo, eppure il fumatore fa orecchie da mercante e continua imperterrito con il suo momento di “relax”, che spesso diventa una vera e propria smania … guai lasciare un fumatore senza le sue sigarette.

Inutile dire che smettere di fumare ha incredibili benefici per corpo, mente e portafogli:

  • La pelle si mantiene più giovane ed elastica
  • il nostro sorriso è più smagliate
  • riduciamo il rischio di disturbi alle vie respiratorie, o nei casi più gravi alla circolazione e ai polmoni
  • ci sentiamo più freschi e scattanti
  • possiamo rendere di più nello sport e nella vita di tutti giorni
  • risparmiamo i soldi che altrimenti spenderemmo per comprare sigari, sigarette e pipe
  • non dipendiamo da un vizio e siamo persone libere in ogni momento della nostra giornata.

Smettere è però molto difficile, si tratta di dipendenza da nicotina, la sostanza più dannosa per il nostro organismo e allo stesso tempo causa del vizio. E’ un opera di convincimento, un atto di forza e volontà

Così alcuni smettono di punto in bianco, a causa di motivi contingenti: una gravidanza, una malattia, una scelta di vita, altri ci provano gradualmente ricorrendo a cerotti contro il fumo, sigarette elettroniche (la vera innovazione degli ultimi anni), massaggi rilassanti, yoga, religione, libri e tutto quello che può aiutarci a trasferire il nostro bisogno di attenzione e benessere, sull’amore per noi stessi, piuttosto che sull’amore per il tabacco.