Incubi: Cause, Sintomi ed eventuali rimedi

Cosa sono gli incubi?

Di notte il nostro subconscio lavora in modo particolarmente attivo; i sogni sono delle manifestazioni del nostro essere espresse in forma psicologica e fisiologica rendendo gli individui particolarmente nervosi e timorosi al loro risveglio.

Se si volesse fornire una definizione del termine incubo si potrebbe dire che essi sono dei sogni caratterizzati da un contenuto terrificante e destabilizzante causati da espressioni inconsce della psiche umana; in molti casi essi possono essere delle somatizzazioni psicologiche della vita quotidiana, eventi vissuti che si è a lungo cercato di reprimere, oppure paure nascoste nelle membra più profonde del nostro io.

A differenza di un sogno positivo, gli incubi tendono a comparire durante le prime ore dell’alba e sono caratterizzati da un ricordo vivido dell’esperienza notturna che difficilmente può essere rinnegata. In molti casi, quando l’incubo è particolarmente negativo e ricco di segnali minacciosi, l’individuo fa notevole fatica a ristabilizzarsi e riaddormentarsi; in altri casi invece è possibile riuscire a “spegnere il cervello” e continuare a riposare.

La maggior parte della popolazione dichiara di vivere degli incubi notturni in diverse situazioni, tanto è vero che circa il 47 % della popolazione adulta afferma di aver vissuto degli incubi particolarmente spaventosi.

Cause degli incubi

Spesso ci si chiede quali siano le cause che originano gli incubi; in molte situazioni questi brutti sogni sono derivanti da fattori psicologici che rendono impossibile compiere un riposo tranquillo durante tutte le ore della notte.

In altre situazioni gli incubi possono essere causati da fattori esterni come ad esempio una cattiva alimentazione; compiere un pasto lauto ed eccessivamente pesante durante le ore precedenti al sonno potrebbe causare difficoltà di addormentarsi e l’insorgenza di incubi.

Non è detto però che i brutti sogni siano causai esclusivamente da fattori psicologici; in alcuni casi questi ultimi sopraggiungono quando gli individui fanno un uso sconsiderato di narcotici o farmaci anti-depressivi, oppure quando interrompono improvvisamente la loro assunzione.

Nella maggior parte dei casi però gli incubi sono causati da situazioni irrisolte o paure recondite seppellite nell’animo e nella psiche umana; nel momento in cui gli occhi si chiudono per il riposo notturno alcune questioni irrisolte potrebbero sopraggiungere e compromettere notevolmente la qualità del sonno.

Il significato degli incubi

Gli incubi in molti casi tendono ad essere sottovalutati; la maggior parte degli individui vive degli incubi notturni che tende a rimuovere o a giustificare in modo approssimativo. In molti casi però, quando questi disturbi del sonno sopraggiungono ricorrentemente, potrebbe esserci qualche patologia non chiara alla base del tutto.

Nel caso in cui gli incubi siano ricorrenti e sopraggiungano durante l’età adulta potrebbero celare delle problematiche di natura psicologica da non sottovalutare.

Spesso gli incubi potrebbero essere indice di forte stress psico-fisico e disagi di natura interiore quali ansia da prestazione o stress post-traumatico. Quando si parla di stress post-traumatico si fa riferimento ad un sogno terrificante che tende a riproporsi costantemente ogni qualvolta si chiudono gli occhi; in questi casi sarebbe consigliabile parlare del disagio con uno specialista in modo da trovare l’origine del problema all’interno del proprio essere.

Incubi nei bambini e negli adulti

Si è detto che gli incubi accomunano grandi e piccoli, ma ovviamente essi si manifestano in modalità e forme differenti a seconda dell’età del soggetto in questione.

I bambini vivono spesso degli incubi che possono essere indice di alcune paure e ansie nei confronti del mondo circostante; secondo alcune analisi la maggior parte dei bambini vede, durante questi sogni, mostri e animali particolarmente aggressivi che incutono in loro paura e terrore. In casi simili sembra inutile instillare ansie eccessive nei genitori poiché tali situazioni non sono altro che l’espressione inconscia di avvenimenti e paure reali che vengono trasposte nell’inconscio dei più piccoli.

Nel caso in cui invece questi incubi risultino particolarmente ricorrenti potrebbe essere consigliabile ricorrere ad un consulto medico di uno specialista.

Gli incubi nelle personalità adulte si manifestano allo stesso modo, con la sola differenza che essi potrebbero essere indotti da situazioni reali irrisolte o forti stress psicologici che si ha difficoltà ad esplicitare. Anche in questo caso, quando la situazione diviene particolarmente pesante è consigliabile rivolgersi ad uno specialista che possa aiutare i soggetti in questione a risolvere i loro problemi partendo dall’origine del disturbo.

Diagnosi e cure

Si è detto dunque che nel caso in cui i sogni siano particolarmente crudi e destabilizzanti potrebbe essere necessario ricorrere all’aiuto di uno specialista in grado di compiere un’analisi psicologica dettagliata del soggetto in questione.

In alcuni casi però ciò non è sufficiente ad aiutare i soggetti interessati; qualora i sogni fossero particolarmente ricorrenti e non sia possibile riscontrare alcun tipo di miglioramento in seguito ad un trattamento psicologico, potrebbe essere necessario eseguire un test diagnostico specifico.

Tale test prende il nome di polisonnografia ed ha il compito di registrare alcuni comportamenti fisiologici messi in atto durante le ore notturne. Grazie a questa analisi è possibile monitorare determinate attitudini di ciascun soggetto esplicitate durante le ore notturne.

Diversi sono i paramenti che vengono monitorati con questo test, ad esempio: l’attività celebrale, la respirazione e i livelli di ossigeno; questi fattori potrebbero essere compromessi da un disturbo più profondo che produce inevitabilmente numerosi incubi ripetuti notte dopo notte.

Rivolgendosi ad un medico specializzato in malattie del sonno è possibile stabilire quale sia il disturbo che attanaglia il soggetto che decide di sottoporsi al test.

Un simile test non viene svolto in ogni circostanza; esso risulta necessario nel momento in cui si sospetta che l’individuo sia affetto da disturbi del movimento correlati al sonno, oppure sia colpito dalla sindrome delle apnee notturne. In ogni caso, quando lo specialista inizia a dubitare di simili possibilità è necessario recarsi in un centro polidiagnostico specializzato che sia in grado di portare a termine un test simile.

In seguito, una volta ottenuto il responso, sarà possibile stabilire la migliore cura per far fronte ad eventuali disturbi presenti nel paziente.