Cure e rimedi per l’insonnia

Con il termine insonnia si tende spesso a generalizzare una serie di problemi e patologie legate alla difficoltà di prendere sonno o riuscire a riposarsi durante le ore notturne. Questi problemi possono avere dei fattori scatenanti molto diversi tra loro, legati al fisico o alla psiche. Esistono, tuttavia dei rimedi e delle cure che possono risolvere molti fastidi legati all’insonnia, scopriamone insieme qualcuno.


Una delle fonti ritenute responsabili per la maggiore dell’insonnia notturna è lo stress quotidiano. Troppi impegni, incombenze, ansia e preoccupazioni possono incidere in modo negativo sul riposo e rendere il sonno spiacevole o spezzettato lungo l’arco della notte. Ridurre le fonti di stress può migliorare in modo efficace la qualità del sonno. Per questo motivo è importante rilassarsi e avere un atteggiamento più positivo nei confronti della vita di tutti i giorni. Non a caso spesso viene consigliato a chi soffre di insonnia di eseguire esercizi di respirazione o praticare attività sportive energizzanti e rilassanti come lo yoga. Per rilassarsi prima di dormire si potrebbe fare anche un bagno caldo o un pediluvio.

insonniacurerimediUn altro rimedio contro la mancanza di sonno è mantenere uno stile di vita il più possibile sano ed equilibrato. Bisognerebbe andare a dormire sempre allo stesso orario e non eccedere con l’alimentazione. E’ stato dimostrato che gli alimenti possono incidere in modo positivo e negativo sul sonno così come le bevande. A cena sarebbe sconsigliato l’uso si pietanze troppo elaborate e dalla difficile digestione, lo stesso vale anche per il vino e per le bevande alcoliche, che andrebbero consumate sporadicamente e in dosi minime. Anche le cattive abitudini come il fumo o l’uso eccessivo di caffè possono essere una delle cause dell’insonnia, la nicotina è, infatti, uno stimolante e crea dipendenza lo stesso vale per le sostanze a base di caffeina e teina.

Per quanto riguarda l’alimentazione meglio mangiare piatti leggeri e semplici da preparare, ricchi di sostanze nutritive e vitamine come frutta e verdura, da consumare almeno due o tre ore prima di andare a letto per favorire la digestione. Una buona routine prima di andare a dormire è quella di bere un bicchiere di latte caldo oppure preparare una tisana a base di erbe officinali, che aiutano a rilassarsi. Oltre alla comune camomilla, conosciuta per le sue proprietà ansiolitiche e calmanti, si può preparare una bevanda calda a base di melissa, valeriana, tiglio e passiflora.

Un altro rimedio può essere l’assunzione di integratori alimentari a base di magnesio e melatonina, quest’ultima in particolare si può trovare facilmente in erboristeria e facilita il sonno.

Un’altra soluzione per facilitare il sonno è quello di creare intorno a sé un ambiente caldo ed accogliente, la stanza da letto dovrebbe essere il più possibile isolata dai rumori esterni e bisognerebbe evitare di avere la televisione accesa fino a tarda notte o stare al computer anche a letto. L’ambiente dovrebbe essere il più possibile tranquillo e rilassante, preferendo pareti nei toni del pastello e possibilmente usando oli essenziali come la lavanda per profumare gli ambienti e il cuscino. Anche l’abbigliamento da notte dovrebbe essere adeguato, meglio usare abiti comodi e leggeri in cotone, evitando tessuti sintetici ed elasticizzati.


Una delle cure naturali che sta riscuotendo molto successo è quella a base di fiori di Bach, che aiutano a combattere i sintomi della carenza di sonno e a ritrovare la giusta energia e tranquillità per dormire e riposare bene, riuscendo ad agire anche sull’umore e l’irritabilità che la mancanza di sonno può portare.

Infine, esistono molte cure farmacologiche e vere e proprie terapie del sonno consigliate da esperti, che seguono e curano i pazienti, quanto l’insonnia, invece di essere sporadica si trasforma in una vera e propria patologia invalidante per la vita di tutti i giorni. Si tratta però di casi estremi che vanno analizzati da personale esperto e qualificato nella loro singolarità cercando di scoprire quali sono le cause all’origine del problema. Non bisognerebbe mai prendere medicinali, soprattutto sonniferi e ansiolitici, senza stretto consiglio medico altrimenti si rischia di fare molti più danni di quanto non faccia la mancanza di sonno.